www.rdes.it



Rivista fondata dall'Avv. MICHELE COLUCCI

Latest News      9 gennaio 2021 - IL SENSO DELLO SPORT NEL PENSIERO DI PAPA FRANCESCO, a cura dell'Avv. Prof. Piero Sandulli

Image



La RIVISTA DI DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT (RDES) è una rivista scientifica quadrimestrale, in formato cartaceo ed on line, fondata dall'Avv. MICHELE COLUCCI che si avvale di un COMITATO SCIENTIFICO composto da professori di Economia e Diritto di università italiane e internazionali.   Il COMITATO DI REDAZIONE è formato da autorevoli professionisti ai quali è affidato il compito di seguire gli autori e di monitorare i molteplici aspetti del Diritto dello Sport.
RDES è riconosciuta e classificata dall'Anvur sia nel settore giuridico (Area 12) sia in quello economico (Area 13).
Tutti i contributi sono sottoposti a un rigoroso referaggio nell'interesse degli autori e dei lettori.

Per sottoporre le proprie pubblicazioni all'esame del Comitato Scientifico si prega di attenersi alle Norme Redazionali inviando una e-mail a info@rdes.it


ISCRIZIONE ALLA NEWSLETTER: Se desidera ricevere la nostra newsletter informativa periodica con tutte le novità in materia di regolamentazione e giurisprudenza sportiva, pubblicazioni, eventi e opportunità di lavoro, La preghiamo di inviare il Suo consenso via mail a: newsletter@rdes.it con la seguente dicitura:
"Ai sensi del Regolamento generale per la protezione dei dati personali n. 2016/679 (General Data Protection Regulation o GDPR) Acconsento esplicitamente al trattamento dei miei dati personali al fine di recepire la newsletter di RDES.
Data e Luogo
Nome e Cognome
"


RDES 3/2020

Scarica l'indice in formato pdf

Editoriale RDES 3/2020
DIRITTO DELLO SPORT E POLITICA IN ITALIA
di Durante Rapacciuolo

THE NEW FIFA LEGAL FRAMEWORK ON FEMALE PLAYERS, COACHES AND MINORS
by Salvatore Civale and Sarah Huchet
Abstract – Summary and Keywords

    On 4 December 2020, the FIFA Council approved the reforms to the Regulations on the Status and Transfer of Players (RSTP) which, above all, sought to afford greater protection to female players and introduce a new regulatory framework for football coaches. previously endorsed by the FIFA Football Stakeholders Committee. On 14 December 2020, FIFA issued the circular no. 1743 notifying these changes to the RSTP and the Rules Governing the Procedures of the Players’ Status Committee and the Dispute Resolution Chamber (Procedural Rules), to all member associations, confirming that they would take effect from 1 January 2021. The circular also announces a new exception for the international transfer of minors in the context of Brexit, new definitions in the RSTP and other specification on the training rewards. The article provides an overview of all the changes and their likely impact for the football stakeholders.

THE IMPACT OF COVID ON FOOTBALL
by M. Colucci, A. Coni, S. Cottrell, R. Sethna
Abstract – Summary and Keywords

    The present paper stems from a recent survey the Authors edited with reference to the impact of Covid-19 on the football system worldwide. The Authors collected an unprecedented series of data on how the national authorities tackled the challenging consequences due to the pandemic, from the complete suspension of any activity to the first attempts to resume sports competitions and then the alternance of measures issued from to time to time, on a country to country basis as a consequence of the second and third wave of the coronavirus. Every sector has been affected. Personal life and business have been forced to sharply change. Sport is not an exception. The impact of Covid-19 on the sports system is shaking its entire structure, questioning its ability to restart and continue its development. Football constitutes a notable example due to its wide popularity and economic value. The crisis has touched every aspect of the football industry, including the competitions rules, contractual relationships and laws of obligations.

L’AVVOCATO SPECIALISTA IN DIRITTO SPORTIVO
Piero Sandulli
Abstract – Sommario e Parole chiave

    L’articolo analizza dettagliatamente il nuovo regolamento per il conseguimento del titolo di avvocato specialista, chiarendo i requisiti e le modalità per l’ottenimento e per il successivo mantenimento. L’Autore precisa tutti i passaggi che devono essere rispettati dall’aspirante, soffermando l’attenzione sulla specializzazione in materia di diritto sportivo: vengono elencati sia i percorsi specialistici che possono essere frequentati dai candidati, con particolare riferimento alle Università, che le esperienze pratiche valutabili dall’apposita Commissione esaminatrice. Chiarita la premessa, si evidenzia come l’aver inserito la disciplina del diritto sportivo all’interno del Regolamento rappresenta il completamento di un percorso iniziato anni addietro, che ha, finalmente, dato piena ed effettiva dignità scientifica alla materia del diritto e della giustizia sportiva.

L’ARBITRATO QUALE STRUMENTO PER UNA RINNOVATA AUTONOMIA DELL’ORDINAMENTO SPORTIVO
di Enrico Fanesi
Abstract – Sommario e Parole chiave

    L’autore, prendendo le mosse dai caratteri di autonomia, autarchia e autodichia dell’ordinamento sportivo, analizza i rapporti intercorrenti tra tale ordinamento e quello dello Stato, evidenziando, in particolare, la relazione sussistente tra la giustizia sportiva e quella statale. In tale ottica viene esaminato lo strumento dell’arbitrato, quale mezzo funzionale a preservare l’autonomia dell’ordinamento sportivo. La prima parte della ricerca, al fine di sottolineare i rapporti intercorrenti tra i due ordinamenti, si concentra sullo studio della legge n. 280 del 2003, anche alla luce della riforma del codice CONI intervenuta nel 2014. Il prosieguo dell’analisi è dedicato alla disamina dell’istituto dell’arbitrato. In primo luogo, l’attenzione è posta sull’evoluzione di tale strumento nell’ambito del sistema di giustizia del CONI; vengono descritte, in particolare, le fasi che hanno segnato il passaggio dalla Camera di Conciliazione e Arbitrato per lo sport al Collegio di garanzia dello sport. In secondo luogo, si considera la possibilità di devolvere ad arbitri le controversie individuali di lavoro sportivo, nell’ottica della previsione di cui all’art. 4 della legge n. 91 del 1981. L’ultima parte del lavoro è rivolta all’indagine dell’arbitrato per i calciatori professionisti, che rappresenta l’esempio di maggior rilievo di arbitrato di lavoro sportivo; in tale contesto viene altresì sottolineato il ruolo svolto dalla nuova Camera arbitrale della Federcalcio. In conclusione, si evidenziano le ragioni in virtù delle quali lo strumento dell’arbitrato può rivelarsi idoneo a realizzare le esigenze di autonomia, nonché uniformità e celerità nelle decisioni, proprie dell’ordinamento sportivo.

ABUSI SESSUALI NELLO SPORT: I SOCIAL MEDIA COME STRUMENTO DI SEDUZIONE
di Francesca Betti
Abstract – Sommario e Parole chiave

    Gli abusi sessuali nello sport sono una realtà allarmante e purtroppo ancora sottovalutata. Una delle tipologie più insidiose è quella dei cc.dd. abusi mediante relazione sentimentale, agevolati dall’utilizzo dei social media, i quali, senza un uso consapevole, diventano uno strumento sicuro ed efficace per ottenere la fiducia delle vittime al riparo da occhi indiscreti.
• NOTE A SENTENZA

LA MONTAGNA E IL TOPOLINO: ANCHE DOPO LA SENTENZA DELLA CORTE DI GIUSTIZIA L’EFFETTIVA NATURA DELLE FEDERAZIONI SPORTIVE NAZIONALI RESTA INCERTA
Sentenza della Corte di giustizia, cause riunite C-155/19 e C-156/19, 3 febbraio 2021
di Stefano Bastianon
Abstract – Sommario e Parole chiave

    Per la seconda volta in meno di due anni la Corte di giustizia interviene sulla questione della natura giuridica delle federazioni sportive italiane. In Italia la natura delle federazioni sportive nazionali rappresenta una questione molto complessa e complicata a causa del loro status formale di associazioni private abbinato alle loro specifiche funzioni di interesse generale. La corretta qualificazione della natura delle federazioni sportive nazionali assume ancor più rilevanza nell'ambito delle disposizioni di diritto europeo concernenti le procedure di aggiudicazione degli appalti di lavori pubblici e della connessa nozione di ente di diritto pubblico. In questo lavoro l’Autore esamina una recente sentenza preliminare della Corte di giustizia relativa alla nozione di ente di diritto pubblico nei confronti della Federcalcio italiana (FIGC) e al suo rapporto con il Comitato Olimpico Italiano (CONI).

SHALL WE SKATE ON THE ICE? YES, BUT FOLLOWING THE COMPETITION RULES
Judgment of the General Court, Case T-93/18, 16 December 2020
by Ilaria Sticchi
Abstract – Summary and Keywords

    The General Court of the European Union has confirmed in its recent judgment that the eligibility rules of the International Skating Union (ISU), which penalized athletes participating in competitions not authorized by the ISU, infringe EU competition law, but the arbitration rules related the role of the Court of Arbitration for Sport (CAS) remain still valid. The judgment is relevant from different perspectives, and not only for the sport of skating, but essentially for all sporting bodies and their athlete members across the world. Firstly, quoting a latin phrase “repetita iuvant”, the judgment recalls that the sporting governing bodies (which often have a dual role as regulator and active organizer of events) can preserve or introduce a pre-authorisation systems for competing events, but these rules must be inherent and proportionate to their objectives, in compliance with the EU competition law. Secondly, the General Court approved the compulsory arbitration rules as found in the rules of many sports governing bodies that automatically bring sports-related disputes to the CAS in Lausanne. This judgment will be seen as further confirmation of the legitimate role of the CAS as the body for sports adjudications. It will be interesting to see whether the General Court’s ruling will be appealed to the Court of Justice. In the meantime, we could probably deduce that All’s Fair in Sport and Competition.

NOTA A SENTENZA N. 1/21 COLLEGIO DI GARANZIA DELLO SPORT A SEZIONI UNITE SUL CASO “JUVENTUS–NAPOLI” E LE CONSEGUENZE PER L’ATTIVITÀ AGONISTICA DI SQUADRA PROFESSIONISTA
Collegio di Garanzia dello Sport Sezioni Unite, Decisione n. 1, Anno 2021
di Gianmaria Daminato, Patrizia Diacci e Celeste Facchin
Abstract – Sommario e Parole chiave

    In data 7 gennaio 2021, le Sezioni Unite del Collegio di Garanzia CONI con decisione n.1 del 2021 accoglievano il ricorso proposto dalla S.S.C. Napoli S.p.A. avverso la società Juventus F.C. S.p.A., annullando senza rinvio la decisione impugnata. La pronuncia veniva resa sulla base della documentazione prodotta dalla sola ricorrente, a fronte della mancata costituzione di Federazione Italiana Gioco Calcio, Lega Nazionale Professionisti Serie A e Juventus. Il Collegio concordava con il Giudice Sportivo e la Corte Sportiva d’Appello sull’individuazione dell’ipotesi di forza maggiore ex art. 55 NOIF, ma non condivideva le conclusioni raggiunte dai Giudici endofederali. Le Sezioni Unite del Collegio di Garanzia CONI sostenevano, infatti, come il c.d. factum principis si fosse configurato in due diverse note dell’ASL - ASL Napoli 1 e 2, entrambe del 3 ottobre 2020 - e che, di conseguenza, nessuna sanzione ex art. 53 NOIF doveva essere applicata al Napoli per la mancata partecipazione alla gara.
• GIURISPRUDENZA ORDINARIA INTERNAZIONALE

Sentenza della Corte di giustizia, cause riunite C-155/19 e C-156/19, 3 febbraio 2021

Judgment of the General Court, Case T-93/18, 16 December 2020

• GIURISPRUDENZA SPORTIVA NAZIONALE

Collegio di Garanzia dello Sport Sezioni Unite, Decisione n. 1, Anno 2021




* * *


COVID-19 and its impact on football –
A Sports Law and Policy Centre and LawInSport Joint Survey - 4th Edition




* * *


Sports Law and Policy Centre

17 Anni al Servizio del Diritto dello Sport




ABBONAMENTO RDES

L'abbonamento annuale (3 fascicoli) decorre dal 1 gennaio di ogni anno e dà diritto a tutti i numeri relativi all'annata, compresi quelli già pubblicati.

La distribuzione dei fascicoli avviene dopo un mese dalla pubblicazione.

TIPOLOGIA ABBONAMENTO

  • Annuale cartaceo – n. 3 Vol. (Euro 200,00)
  • Aannuale eBook– n. 3 Vol. (Euro 100,00)
  • Singolo Volume Cartaceo (Euro 70,00)
  • Singolo Volume eBook (Euro 35,00)

    MODULO D'ORDINE RDES 2021

    Volumi disponibili previo pagamento:

    RDES 2020
    1/2020 indice - editoriale
    2/2020 indice - editoriale
    3/2020 indice - editoriale
    RDES 2019
    1/2019 indice - editoriale
    2/2019 indice - editoriale
    3/2019 indice - editoriale

    Volumi disponibili gratuitamente on line:

    2018 : 1 - 2 - 3
    2017 : 1 - 2 - 3
    2016 : 1 - 2 - 3
    2015 : 1 - 2 - 3
    2014 : 1 - 2 - 3
    2013 : 1 - 2 - 3
    2012 : 1 - 2 - 3
    2011 : 1 - 2 - 3
    2010 : 1 - 2 - 3
    2009 : 1 - 2 - 3
    2008 : 1 - 2 - 3
    2007 : 1 - 2 - 3
    2006 : 1 - 2 - 3
    2005 : 1 - 2 - 3


    INDICI ANNUALI

    Anno 2005: Generale - Per Autore
    Anno 2006: Generale - Per Autore
    Anno 2007: Generale - Per Autore
    Anno 2008: Generale - Per Autore
    Anno 2009: Generale - Per Autore
    Anno 2010: Generale - Per Autore
    Anno 2011: Generale - Per Autore
    Anno 2012: Generale - Per Autore
    Anno 2013: Generale - Per Autore
    Anno 2014: Generale - Per Autore
    Anno 2015: Generale - Per Autore
    Anno 2016: Generale - Per Autore
    Anno 2017: Generale - Per Autore